Verona VR

Galleria fotografica della città e provincia di Verona, patrimonio mondiale dell'umanità Unesco, nota per l'Arena , il Ponte Scaligero e la casa di Giulietta - 104 foto

Pagina 1 di 3123

La rotonda retrostante Palazzo Barbieri in largo Divisione Pasubio (chiamata anche Gran Guardia Nuova), progetto degli architetti Raffaele Benatti e Guido Troiani

Il Liston di piazza Bra, tradizionale luogo di passeggio dei veronesi nel fine settimana

Gli antichi palazzi lungo il Liston di piazza Bra

L’Arena di Verona (anfiteatro romano) in piazza Bra, probabilmente eretta all’inizio del I secolo d.C.

I quattro archi dell’unico pezzo dell’ala esterna dell’Arena di Verona

Le arcate superiori in pietra, dell’anello interno dell’anfiteatro romano

Le arcate inferiori dell’Arena di Verona, costruite con pietra calcarea rosso ammonitico, distanziate da lesene con capitelli di ordine tuscanico

Un mimo da strada, mascherato da “statua della libertà” lungo il Liston di piazza Bra

La colonna gotica trecentesca in piazza Bra, raffigurante nelle edicole la vergine, i santi Antonio Abate, Giacomo e Martino, opera attribuita ad Antonio da Mestre

La fontana delle Alpi in piazza Bra, donata nel 1975 dalla Germania in occasione del gemellaggio tra Verona e Monaco di Baviera

Palazzo della Gran Guardia, progettato dall’architetto Domenico Curtoni, eretto per volere del capitano Zuanne Mocenigo nel 1609

Monumento a Vittorio Emanuele II in piazza Bra, opera dello scultore milanese Ambrogio Borghi e inaugurato nel 1883

La statua in bronzo di Vittorio Emanuele II a cavallo, sita in piazza Bra, di fornte il Liston

Vittorio Emanuele II, primo re d’Italia, monumento in bronzo eretto dopo la sua morte, per opera di Ambrogio Borghi

Palazzo Barbieri in piazza Bra, edificio neoclassico progettato dall’ingegnere Giuseppe Barbieri nel 1836

I portoni della Brà all’ingresso dell’omonima piazza, formati da due archi a tutto sesto sormontati da un camminamento merlato in pietra rossa e alla destra la torre pentagona

Il Dotto Trains in piazza Bra, il trenino su gomma fondato nel 1952 da Ivo Dotto

Alla sinistra il “Caffè al Teatro” in via Roma e alla destra il porticato del Teatro Filarmonico

Passeggiata in carrozza trainato da un cavallo in largo Don Bosco

Castelvecchio, la fortezza medievale scaligera voluta da Cangrande II della Scala nel 1354 con la torre dell’orologio a sinistra e la torre d’ingresso a destra

L’alta cortina muraria merlata e la torre della reggia scaligera di Castelvecchio in largo Don Bosco

Una torre di Castelvecchio che si affaccia sull’omonima via, costruita in laterizio

Castelvecchio, anticamente chiamato castello di San Martino in Aquaro, attuale sede del Museo Civico

Via Castelvecchio con alla destra l’omonima fortezza protetta da un fossato e una cinta muraria merlata

Il piccolo vialetto alberato lungo regaste San Zeno che costeggia il fiume Adige

Le rive del fiume Adige che fiancheggiano regaste San Zeno

Il percorso pedonale di regaste San Zeno, sullo sfondo il ponte Scaligero e il maniero scaligero Castelvecchio

La strada pedonale rialzata a sinistra lungo regaste San Zeno e sulo sfondo Castelvecchio

Il ponte di Castelvecchio che attraversa il fiume Adige, probabilmente eretto da Guglielmo Bevilacqua nel 1354

Il retro e il piccolo campanile della chiesa di San Zeno in Oratorio che si affaccia sull’omonima via

Le mura merlate a coda di rondine del ponte Scaligero, lungo oltre 120 metri

I camminamenti e le mura merlate in cotto con feritoie del ponte di castelvecchio

Il ponte di Castelvecchio, fortificato da mura in laterizio e il lungoadige Cangrande

Il lungo ponte Scaligero, ricostruito dopo la distruzione della Seconda Guerra Mondiale da parte dei tedeschi

Alla sinistra Castelvecchio sull’omonima piazzetta e alla destra l’Arco romano dei Gavi

L’Arco dei Gavi, in pietra calcarea bianca, costituito da un timpano triangolare sorretto da capitelli corinzi e colonne scanalate

L’Arco dei Gavi, eretto nella intorno alla metà del I° secolo su progetto dell’architetto Lucio Vitruvio Cerdone

Il Palazzo Portalupi attuale sede della Banca d’Italia in corso Cavour, eretto dall’architetto Gaetano Pinter nel 1802

La facciata neoclassica di Palazzo Portalupi in corso Cavour, caratterizzata da una lunga balconata e un orologio al centro

Il campanile della chiesa dei Santi Apostoli sita nell’omonima piazza, di stile romanico veronese, costruito in cotto e tufo e completato nel 1110

Condividi

Scrivi un commento ...

© 2006 - 2017 Paesaggio Italiano di Leonardo Bellotti
Sfondo