Firenze FI

Galleria fotografica della città e provincia di Firenze, un museo a cielo aperto. È considerarata il luogo di nascita del Rinascimento, nonchè terra di artisti, architetti e letterati - 184 foto

Pagina 1 di 512345

Il palazzo della Galleria degli Uffizi al crepuscolo, risalente al XVI sec., caratterizzato da un loggiato con colonne doriche

La statua di Cosimo I realizzata dal Giambologna tra le statue allegoriche del Rigore e dell’Equità di Vincenzo Danti, posti sul lato breve della Galleria degli Uffizi

I riflessi arancio del tramonto, sulle acque del fiume Arno

Il fiume Arno al tramonto e sullo sfondo la silhouette della cupola della chiesa di San Frediano in Cestello

Fiume Arno e il Ponte Vecchio al crepuscolo, con tre ampi archi ribassati

Silhouette del ponte Santa Trinità al tramonto, che collega le due sponde del fiume Arno

Ponte Santa Trinità più volte distrutto e successivamente ricostruito e in fondo a destra il Palazzo Spini Feroni di stile medievale

Silhouette della statua della Primavera al tramonto, posta ad un angolo di ponte Santa Trinità

Alcuni antichi edifici e alla sinistra il Ponte Vecchio sul fiume Arno, visti al crepuscolo

Via dè Calzaiuoli, strada pedonale lunga 400 metri, dove si trovano i negozi più eleganti della città

L’Arco di Trionfo (Arcone) e il portico Gambrinus, realizzati e progettati da Vincenzo Micheli in piazza della Repubblica

Piazza dell’Unità Italiana e la facciata a capanna con archi a sesto acuto del transetto est della basilica di Santa Maria Novella

Un avello, arco a sesto cuto sito lungo il lato esterno del cimitero della basilica di Santa Maria Novella, in via degli Avelli

Le arche sepolcrali, chiamati avelli, siti nell’omonima via, lungo la fascia est della basilica di Santa Maria Novella

La facciata marmorea della basilica di Santa Maria Novella, massima espressione del Rinascimento Fiorentino, completata da Leon Battista Alberti nel 1470

La facciata mai completata a doppio spiovente della basilica di San Lorenzo, sita nell’omonima piazza

La statua di Giovanni delle Bande Nere realizzato da Baccio Bandinelli nel XVI sec., sito in piazza San Lorenzo

La lanterna della cupola più piccola della basilica di San Lorenzo

Piazza San Giovanni e il Palazzo Arcivescovile, ristrutturato nel XIX secolo dall’ingegnere Felice Franciolini

Piazza San Giovanni e lo stemma di Agostino Bausa disegnato da Vincenzo Rosignoli, posto all’angolo meridionale del Palazzo Arcivescovile

L’Arcone (Arco di Trionfo) di stile rinascimentale e i portici laterali in piazza della Repubblica, progettati nel 1895 e realizzati nel 1938 ca. da Vincenzo Micheli

La Colonna dell’Abbondanza, con alla sommità la statua della Dovizia e l’Arco di Trionfo (Arcone) in piazza della Repubblica

La statua della Dovizia, copia di Giovan Battista Foggini realizzata dallo scultore Mario Moschi, in pietra serena, posta sulla Colonna dell’Abbondanza in piazza della Repubblica

L’iscrizione dettata dallo scrittore Isidoro del Lungo posta sul fastigio sopra l’Arcone in piazza della Repubblica

Un lampione a 4 sfere bianche e la facciata dell’edificio sul lato ovest di piazza della Repubblica

La facciata bugnata di Palazzo Strozzi, classico esempio di edificio Rinascimentale, risalente alla fine del XV sec.

L’angolo della chiesa di Orsanmichele con lo stemma dell’Arte della Seta (sinistra) e lo stemma della città di Firenze (destra) in via dè Calzaiuoli

Via dè Calzaiuoli e il tabernacolo della chiesa di Orsanmichele (o San Michele in Orto) con la scultura in bronzo di Andrea del Verrocchio, raffigurante l’incredulità di San Tommaso

Monumento ai caduti della battaglia di Mentana situata nell’omonima piazza, opera di Oreste Calzolari

Il lato orientale di Ponte Vecchio visto dal Ponte alle Grazie, caratterizzato da tre arcate ribassate che sfiorano il fiume Arno

Alcuni retrobottega costruite a sbalzo del Ponte Vecchio, sostenuti da beccatelli

Il loggiato del palazzo della galleria degli Uffizi in lungoarno degli Archibusieri

Il monumento dedicato a Benvenuto Cellini sul Ponte Vecchio, il più famoso orafo fiorentino, realizzato da Raffaello Romanelli

Il basamento del monumento a Benvenuto Cellini sul Ponte Vecchio, con scritto “A Benvenuto Cellini maestro. Gli orafi di Firenze”

Il busto di Benvenuto Cellini sul Ponte Vecchio, orafo fiorentino, opera di Raffaello Romanelli ed innaugurato il 26 maggio 1901

Il ponte Santa Trinità sul fiume Arno, ricostruito e inaugurato il 16 maggio 1958, dopo la distruzione dei tedeschi nella II guerra mondiale

Il monumento in bronzo di Benvenuto Cellini, caratterizzato da quattro mascheroni angolari dove zampilla l’acqua

Sullo sfondo la cupola della cattedrale di Santa Maria del Fiore vista da Ponte Vecchio

Le botteghe orafe ai lati dell’affollatissimo Ponte Vecchio

Ai lati le due terrazze panoramiche di Ponte Vecchio

Condividi

Scrivi un commento ...

© 2006 - 2017 Paesaggio Italiano di Leonardo Bellotti
Sfondo