Alberobello BA

Galleria fotografica del comune di Alberobello, nella Valle d'Itria, nota per le sue abitazioni chiamate Trulli. Dal 1996 sono patrimonio mondiale dell'umanità Unesco - 96 foto

Pagina 1 di 3123

Il Cimitero Monumentale in viale Putignano, progettato dall’arch. Antonio Curri verso la fine del XIX sec.

Una croce in ferro battuto e alberi di ulivo lungo la SS172

Il Cimitero Monumentale in via Notarnicola caratterizzato da un pronao di dodici colonne e due torri a piramide tronca

La facciata della Basilica minore dei Santi Medici Cosma e Damiano in piazza Curri, progettata dall’arch. Antonio Curri ed eretta nel 1885

Un lampione e la scalinata della Basilica dei Santi Medici Cosma e Damiano in piazza Curri

Un lampione a quattro lampade e il pronao in stile neoclassico della Basilica dei Santi Medici Cosma e Damiano in piazza Curri

Una delle due torri campanarie con l’orologio che sovrastano la facciata della Basilica minore dei Santi Medici Cosma e Damiano in piazza Curri

La lunetta della Basilica dei Santi Medici in piazza Curri, rappresentante Gesù crocifisso in mezzo alla Vergine, San Giovanni, i santi Pietro e Paolo e i Santi Medici, opera del maestro Rollo

La navata centrale della Basilica minore dei Santi Medici Cosma e Damiano

L’altare maggiore in granito della Basilica minore dei Santi Medici Cosma e Damiano, sovrastato da un crocifisso (1976) in stile medioevale, opera di Adolfo Rollo

L’altare barocco della Cappella della Madonna del Santo Rosario attorniato da santi, dipinti da Adolfo Rollo nella Basilica minore dei Santi Medici Cosma e Damian

La volta a cupoletta della Cappella della Madonna del Santo Rosario nella Basilica minore dei Santi Medici Cosma e Damiano

Piazza XI febbraio e alla sinistra Via Olmo

Via del Gesù e sullo sfondo a sinistra il Trullo Sovrano

Il Trullo Sovrano e le sue cupole coniche in piazza Sacramento

Il frontone triangolare del Trullo Sovrano in piazza Sacramento, costruito dalla famiglia del sacerdote Cataldo Perta nel 1744

La lunetta sopra la porta d’ingresso del Trullo Sovrano in piazza Sacramento, dove vi è dipinto la scena del calvario con le Marie

L'arco che divide i locali più antichi del Trullo Sovrano e alcuni capasoni in terracotta dove veniva conservato il vino

Un vecchio crocifisso appeso e un braciere nel Trullo Sovrano

Il giogo in legno nel Trullo Sovrano, usato per far trainare l’aratro da una mucca

Il telaio in legno per la tessitura situato al piano superiore nel Trullo Sovrano, risalente al 1850

La botola chiusa da una grata di ferro dove si conservava il grano all'interno del Trullo Sovrano

Il piano superiore del Trullo Sovrano con l’accesso alla botola e sullo sfondo il telaio per la tessitura

La cucina secondaria del Trullo Sovrano con i prodotti tipici locali

La cucina del Trullo Sovrano, sita al piano superiore con le due sedie in legno e paglia e il camino

Il camino e la cucina contadina del Trullo Sovrano

Antico catino lavamani con brocca nella camera da letto del Trullo Sovrano

La camera da letto, sita al piano superiore del Trullo Sovrano

La facciata bianca e triangolare del Trullo Sovrano in piazza Sacramento

La finestra, alla sinistra della facciata del Trullo Sovrano in piazza Sacramento

Le due cupole coniche del Trullo Sovrano in piazza Sacramento

Il Trullo Sovrano, denominato la Corte di papa Cataldo in piazza Sacramento

L’arco che conduce al cortile sinistro del Trullo Sovrano in piazza Sacramento

Un arco bianco e la canna fumaria del Trullo Sovrano in piazza Sacramento

Il tetto conico di un trullo e il pinnacolo, composto da tre pietre sovrapposte, visto da piazza Sacramento

Alla sinistra il Trullo Sovrano in piazza Sacramento, eretto da un anonimo costruttore verso la metà del XVIII sec.

Un complesso di trulli del cortile di vico Carella

I trulli in pietra di vico Carella

Due canne fumarie e il pinnacolo bianco di un trullo presso vico Olmo

Il cortile di una casa trullo sita in vico Olmo e alla sinistra una scala ancorata al muro

Condividi

Scrivi un commento ...

© 2006 - 2017 Paesaggio Italiano di Leonardo Bellotti
Sfondo