Parma PR

Galleria fotografica della città e provincia di Parma, sede universitaria e centro culturale. Un territorio ricco di monumenti storici e grandi giardini - 120 foto

Pagina 2 di 3123

Viale Paolo Toschi e il monumento alla Vittoria

Il ponte Giuseppe Verdi in viale Paolo Toschi che attraversa il torrente Parma

Il ponte Giuseppe Verdi che porta verso l’ingresso del Giardino Ducale

Il ponte Giuseppe Verdi, i suoi lampioni decorativi e sullo sfondo l’ingresso al Giardino Ducale

Ingresso del Parco Ducale, rifatto completamente nel 1749 su progetto di Ennemond Alexandre Petitot

Palazzo Ducale nell'omonimo parco, voluto da Ottavio Farnese nel 1561 ma poi modificata sia dal Bibiena che da Petitot

Scultura in marmo di Carrara raffigurante Pale con l’agnello posto nel Giardino Ducale

La scultura in marmo di Carrara della Pale nel Parco Ducale, opera di Jean Baptiste Boudard davanti al Palazzo Ducale

La statua di Trittolemo realizzata da Jean Baptiste Boudard sita davanti al Palazzo Ducale

La statua di Pomona in Marmo di Carrara in Parco Ducale, realizzata da Jean Baptiste Boudard sita davanti al Palazzo Ducale

La scultura in marmo di Carrara “Vertumno” di Jean Baptiste Boudard davanti al Palazzo Ducale

Uno dei cinque vasi con decorazioni a conchiglia realizzato da Boudard intorno al 1760 nel Parco Ducale

Un vaso con anse a testa di ariete e pampini realizzato da Boudard in Parco Ducale

Il teatro delle Briciole nel Parco Ducale

L'ingresso al teatro al Parco o al teatro delle Briciole nel Parco Ducale

Il gruppo scultoreo del Sileno ed Egle (1765) opera di Jean Baptiste Boudard nel Parco Ducale

Il particolare della scutura di Sileno ed Egle opera di Jean Baptiste Boudard nel Parco Ducale

Particolare del tempietto d’Arcadia eretto in occasione dellle nozze fra il duca Ferdinando e Maria Amalia d’Austria nel Parco Ducale

Il tempietto d’Arcadia nel Parco Ducale, oppera di Petitot nel 1769

L’isolotto della Peschiera, il laghetto al centro del parco e la fontana del Trianon nel Parco Ducale

L'isolotto al centro della Peschiera (il laghetto) voluto da Ranuccio II nel 1690, nel Parco Ducale

La fontana del Trianon rappresentante i fiumi Parma e Taro, realizzata da Giuliano Mozzani all'interno del Parco Ducale

La statua di Bacco (1753) realizzata da Boudard Jean-Baptiste nel Parco Ducale

Il Palazzetto Eucherio San Vitale o del Coccodrillo, composta da quattro torri sporgenti all'interno del Parco Ducale

Il monumento alla Vittoria situato sopra ad una colonna in viale Paolo Toschi

Il monumento alla Vittoria, realizzato da Ettore Xiemens e inaugurato da re Vittorio Emanuele III nel 1931 nel viale Paolo Toschi

Il monumento alla Vittoria di viale Paolo Toschi, costituita da una colonna in marmo sormontata da una figura femminile alata in bronzo

Le finsetre di una palazzina color giallo, lungo la strada Borghesi Giambattista

Incrocio tra la strada Giuseppe Garibaldi e viale Mentana

Alla sinistra la cattedrale, dedicata all’Assunta e di fronte il campanile della chiesa di San Giovanni

La cupola della cattedrale che poggia su un tamburo ottagonale in piazza Duomo

La chiesa di San Giovanni Evangelista nell'omonimo piazzale, la cui facciata marmorea, in stile barocco, fu disegnata da Simone Moschino nel 1604

La cupola e una statua che adorna la facciata della chiesa di San Giovanni Evangelista in piazzale San Giovanni

L’abbazia di San Giovanni Evangelista nel piazzale San Giovanni

Interno a tre navate della chiesa di San Giovanni Evangelista, con pilastri scanalati in pietra grigia

Altare maggiore e presbiterio della chiesa di San Giovanni Evangelista

La cappela situata nel transetto di destra nella chiesa di San Giovanni Evangelista

Acquasantiera all’ingresso della chiesa di San Giovanni Evangelista

La seconda cappella della navata laterale sinistra con la statua di Gesù morto nella chiesa di San Giovanni Evangelista

Alla destra un antico Palazzo, attuale sede delle “Poste e Telegrafi” in strada Carlo Pisacane

Condividi

Scrivi un commento ...

© 2006 - 2017 Paesaggio Italiano di Leonardo Bellotti
Sfondo