Otranto LE

Galleria fotografica del comune di Otranto, la città più orientale d'Italia, situata nel Parco naturale regionale Costa Otranto - Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase - 140 foto

Pagina 2 di 41234

Una statua rovinata dal tempo sulla facciata della cattedrale dell’Annunziata in piazza Basilica

Lo stemma dell’arcivescovo Adarzo di Santander, retto da due angeli, sul portale d’ingresso (1674) e il rosone rinascimentale sulla facciata della cattedrale dell’Annunziata in piazza Basilica

Alla sinistra la cattedrale dell’Annunziata di epoca normanna e alla destra il palazzo della Curia Arcivescovile in piazza Basilica

Navata centrale della cattedrale dell’Annunziata con le due file di colonne in granito e la volta a cassettoni lignei dorati

Il fonte battesimale, in marmo, di stile barocco sulla navata sinistra della cattedrale dell’Annunziata

L’altare maggiore della cattedrale dell’Annunziata, con il paliotto in argento raffigurante l’Annunciazione, realizzato da orefici napoletani nel 700

Il mosaico che copre il pavimento della cattedrale dell’Annunziata, commissionato dall’arcivescovo Gionata e realizzato nel 1163 dal monaco Pantaleone, rappresenta varie figure mitologiche

La cappella del Santissimo Sacramento nella cattedrale dell’Annunziata

Madonna col Bambino, in stile binzantino, sita nella cappella dei Beati Martiri Otrantini della cattedrale dell’Annunziata

Tre delle sette teche a muro presenti nell’abside, contenenti le ossa dei beati Martiri di Otranto

I resti dei Beati Martiri di Otranto decapitati nel 1480 e successivamente traslati in una cappella della cattedrale dell’Annunziata

La cappella della navata destra nella cattedrale dell’Annunziata, dove sono conservate le reliquie dei beati Martiri di Otranto, decapitati dai Turchi sul colle Minerva nel 1480

L'altare della cappella dei Beati Martiri nella cattedrale dell’Annunziata, dove vi è deposto il sasso usato per decapitare gli 800 Idruntini

Le reliquie dei Beati Martiri di Otranto, trucidati barbaramente dai turchi nel 1480 e conservate in una cappella della cattedrale dell’Annunziata

Uno dei sette armadi murati dove sono conservate le ossa dei Beati Martiri Idruntini nella cattedrale dell’Annunziata

L’altare della Cripta circondato da quattro colonne marmoree monolitiche e il quadro della Madonna col Bambino, in stile bizantino, nella cattedrale dell’Annunziata

Le volte a crociera della Cripta nella cattedrale dell’Annunziata, sostenue da colonne con capitelli di stile differente

Particolare di un affresco bizantino rappresentante la Madonna col Bambino nella cattedrale dell’Annunziata, sita su una parete della cripta

Una delle quattro finestre a imbotte della Cripta sita sotto l’abside della cattedrale dell’Annunziata

Cripta risalente all’XI sec. che sostiene il transetto superiore della cattedrale dell’Annunziata, con 42 colonne in marmo

La porta d’ingresso alla Cripta e sullo sfondo un confessionale nella cattedrale dell’Annunziata

Un capitello sostenuto da una colonna in granito nella cattedrale dell’Annunziata

Alla sinistra un albero di palma e la balconata di un edificio in piazza Castello

Il Bar Castello e accanto un albero di palma in piazza Castello

Edificio del centro storico ricco di piante rampicanti in piazza Castello

Piazza Castello e alla sinistra via Papa Costantino I

Il fossato e un torrione circolare del castello Aragonese in piazza Castello

Lo stemma in pietra dell’imperatore Carlo V d’Asburgo, posto sopra il portale principale del Castello

Il portale d’ingresso al castello Aragonese (Forte a mare) e lo stemma di Carlo V in piazza Castello

Uno dei tre torrioni circolari del Castello, diviso a metà da un cordone

Alla sinistra il torrione circolare del Castello e alla destra lo stemma di Carlo V

I tre torrioni circolari posti agli angoli del castello Aragonese (Forte a mare) in via Nicola d’Otranto

Il castello Aragonese, commissionato nel 1485 da Ferdinando I d’Aragona in via Nicola d’Otranto

Alla sinistra i due torrioni circolari del castello Aragonese e alla destra il puntone (1578) rivolto verso il mare chiamato “Punta di diamante” in via Guglielmotto d’Otranto

Il torrione circolare del castello Aragonese in via Guglielmotto d’Otranto

Le due torri circolari del castello Aragonese in via Guglielmotto d’Otranto

Alla sinistra i giardini comunali e alla destra l’hotel Bellavista in via Vittorio Emanuele

Le mura della città vecchia, la Porta Terra e la Torre Campanaria della cattedrale dell’Annunziata in via delle Torri

La Porta Terra, ingresso per il centro storico e alla destra la Torre Campanaria in via delle Torri

Edifici del centro storico, all’interno delle mura cittadine, alla sinistra la Torre Alfonsina e alla destra la Torre Campanaria

Condividi

Scrivi un commento ...

© 2006 - 2017 Paesaggio Italiano di Leonardo Bellotti
Sfondo